Photo credits @JYSK

Qualche settimana fa una simpatica cliente mi ha chiesto una consulenza online su come arredare la sua terrazza molto assolata.  Certo la stagione non è molto indicata per impiantare nuovi esemplari, ma esiste qualche eccezione. Una specie molto adatta a resistere alle temperature alte è l’oleandro, un arbusto slanciato che può essere coltivato in vaso e che tollera molto bene il vento salmastro. Qualche ciuffo di erbacee stagionali come la gaura completerebbe l’armonia dell’arredo, grazie al colore delle fioriture che si addicono alle suggestioni cromatiche di questo arbusto tipicamente mediterraneo. Alla naturalezza delle specie botaniche selezionate ho abbinato vasi e altri complementi che enfatizzano con stile l’aria selvatica di queste piante. Guardiamo insieme le mie proposte.

 

 

Sfoltendo i rami alla base del fusto, l’oleandro acquisisce un portamento elegante e inoltre fiorisce tutto l’anno. L’oleandro può stare in vaso oppure in piena terra, non richiede molte cure e tollera la siccità, purché non sia prolungata. Il substrato dovrà essere ben drenato ma arricchito da concime. In vaso suggerisco di mettere alla base uno strato di argilla espansa alto dieci centimetri. Sul terrazzo può creare punti focali, in giardino si presta a fare fondali nelle bordure, collocato dietro agli arbusti più bassi. È economico e facilmente reperibile nei vivai.

La gaura è una erbacea tipicamente estiva, cresce bene in piena terra e anche in vasi grandi, dove sviluppa un fogliame folto e movimentato. Come si può vedere, i colori delle fioriture si avvicinano molto a quelli dell’oleandro, a cui si abbinerebbe con eleganza. Suggerisco di usare vasi in terracotta, per la loro bellezza e soprattutto perché trattengono l’umidità e respingono il calore. Innaffiare con regolarità soprattutto nei mesi di agosto e settembre. In autunno tende a perdere il volume, per cui possiamo tenera in un angolo riparato, togliere il secco quando necessario e attendere che cominci a rifiorire.

Per spargere nel nostro ambiente outdoor il profumo dell’estate, ecco l’elicriso. Gli steli con il caldo si allungano e formano delicati fasci di rametti su cui poggiano i fiori di un tono delicato di giallo, ma comunque vivace. Anche l’elicriso tollera il vento salmastro, per cui se siete al mare poco importa, la pianta starà benissimo. Suggerisco di coltivare in un vaso grande più piantine di elicriso, per rafforzare il volume della composizione e le fragranze.

Verbena bonariensis è il nome di questa splendida erbacea che può raggiungere il metro di altezza.  Gli steli sono molto lunghi e sulla cima si sviluppano i fiori stupendi che vedete nella foto. L’ho scelta perché crea un mix cromatico perfetto con le altre piante che ho presentato nell’articolo. Ama crescere in vaso oltre che in terra, per cui è molto versatile. Bagnature regolari in estate.

Devo ammettere di averla riscoperta da poco tempo. Si chiama Palma livingstona e a differenza delle più comuni specie di palme con fusti troppo spessi e legnosi, questa la preferisco per la sua forma esile e flessuosa e perché le foglie sembrano scolpite. Abbinata alle piante sopra elencate, crea accenti di verde scuro che servono a bilanciare i cromatismi nello spazio. A differenza delle altre palme, tollera molto il caldo ma preferirebbe non ricevere sole diretto per tutta la giornata, quindi organizzate lo spazio se decidete di prenderla.  Si adatta a stare in casa, per cui suggerisco di spargere diversi esemplari dentro e fuori, servirebbe a creare un continuum di toni verdi e forme.

Difficilmente si riesce a creare una atmosfera definita se oltre alle piante non lavoriamo con qualche arredo e con dei tessuti, per  esaltare il look che desideriamo ottenere. Nel mio progetto il pouf di Fatboy mi è sembrato indicato, in quanto questo tono di rosa si addice alle fioriture delle piante che ho selezionato (oleandro, gaura, verbena) e lo stile informale è appropriato.

In alternativa se desideriamo delle sedute con più struttura potremmo optare per quelle realizzate in fibre naturali. Il modello di design che vediamo nella immagine è di House Doctor. La forma morbida e il colore caldo del materiale si addice alle specie rustiche che abbiamo selezionato, e darebbe un tocco di stile all’ambiente.

I cuscini sulle sedute outdoor sono importantissimi ed è importante sceglierli nei colori e nei tessuti che si addicono allo stile degli arredi. Il verde muschio del cuscino per esterni di H&M Home lo trovo molto seducente e adatto all’atmosfera giocata su verdi chiari e fioriture rosa.

Un colore nero opaco molto materico esalterebbe le fioriture rosa dell’oleandro e la palette dei tessuti presenti nell’arredo. L’importante e inserire complementi che riescano a legare l’insieme, puntando quindi su combinazioni di materiali che abbiano in comune delle finiture, come questa lanterna che riprende il mood della chaise longue. Nella nostra selezione di vasi potremmo inserire della terracotta porosa e altrettanto materica. Bene, credo sia tutto per ora, amo ricevere i vostri commenti per scoprire le vostre molteplici sensibilità estetiche e arricchire i miei contenuti. Alla prossima.

 

 

 

Posted by:Sonia Santella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *